Giu 172018
 

papa-francesco-731x1024“Come si fa per arrivare ad essere un buon cristiano?” La scelta della tipologia di documento per Gaudete et exsultate, un’esortazione apostolica anziché un’enciclica, indica che il Pontefice vuole “esortare” i fedeli su un tema, quello della santità.

Nel nuovo documento Papa Francesco riprende un tema a lui caro, che ha più volte affrontato nelle messe mattutine a Casa Santa Marta, nelle omelie di celebrazioni ufficiali o in altri testi. Quella che il Papa tratteggia è una visione “popolare” della santità, che non prende in considerazione i santi “già beatificati o canonizzati” né tantomeno ritiene che per essere santi sia”necessario essere vescovi, sacerdoti, religiose o religiosi”. Il santo che il Pontefice argentino ha in mente è “il santo della porta accanto”, spesso anonimo e nascosto. Leggi tutto »

Giu 092018
 

segno-della-croce“Cari fratelli e sorelle, buongiorno! Proseguiamo le catechesi sul Battesimo. Il significato del Battesimo risalta chiaramente dalla sua celebrazione, perciò rivolgiamo ad essa la nostra attenzione. Considerando i gesti e le parole della liturgia possiamo cogliere la grazia e l’impegno di questo Sacramento, che è sempre da riscoprire. … “Il Battesimo è il sacramento di quella fede, con la quale gli uomini, illuminati dalla grazia dello Spirito Santo, rispondono al Vangelo di Cristo” (Rito del Battesimo dei bambini, Introd. Gen. N. 3). A suscitare e a risvegliare una fede sincera in risposta al Vangelo tendono la formazione dei catecumeni e la preparazione dei genitori, come l’ascolto della Parola di Dio nella stessa celebrazione del Battesimo. Leggi tutto »

Il gemito dello Spirito

 Spiritualità  Commenti disabilitati su Il gemito dello Spirito
Mag 262018
 

trinitaCredo nello Spirito che vive e opera nelle profondità del cuore, per trasformarci a immagine di Cristo. Lo Spirito rende i credenti gravidi di Cristo e di Vangelo. Gesù, una notte, offre a Nicodemo una delle parole più alte della vita spirituale: Chiunque è nato dallo Spirito è Spirito. Noi tutti nati dallo Spirito nel battesimo, siamo Spirito. Con tutte le mie resistenze, con tutta la mia fragilità, io sono spirito di Dio. Con tutti i miei problemi e i mille dubbi, io sono  casa dello Spirito e sua creatura: mi prende dentro il suo gorgo di luce, per nuove nascite. Lo Spirito genera figli, secondo la sua specie. Leggi tutto »

Lo Spirito che ci ripara – (P. E. Ronchi)

 Spiritualità  Commenti disabilitati su Lo Spirito che ci ripara – (P. E. Ronchi)
Mag 192018
 

Fotosearch_k12925765Vivere è l’infinita pazienza di ricominciare che il profeta Geremia illustra così: “Scesi nella bottega del vasaio, ed ecco, egli stava lavorando al tornio. Ora, se si guastava il vaso che stava modellando, come capita con la creta in mano al vasaio, egli riprovava di nuovo e ne faceva un altro, come ai suoi occhi pareva giusto” (Ger 18,3-4). Il Vasaio non butta mai via la creta: non ti getta via, ti riprende in mano, ti rimodella con la forza paziente delle sue mani, guidato dal sogno di ciò che puoi diventare. Un detto rabbinico: per noi lavorare con vasi rotti è una sciagura; per Dio è un’opportunità. Lui  è venuto per le anfore spezzate, per i cuori infranti, sa come servirsene. Anzi, pare che le pietre scartate siano quelle che poi gli sono servite meglio tra le mani. Penso a Pietro, a Saulo, alla Maddalena, a sant’Agostino: noi siamo i vasi rotti di Dio. Leggi tutto »

IMPARIAMO A RIMBALZARE (A. Fonzi)

 Unione Sacerdotale - News, Spiritualità  Commenti disabilitati su IMPARIAMO A RIMBALZARE (A. Fonzi)
Mag 122018
 

resistereDa molti anni le parole transitano da un campo disciplinare all’altro, costituendo spesso il ponte culturale che collega le scienze “dure” e le scienze “umane”, vale a dire la chimica e la fisica da un lato, l’economia, la sociologia e la psicologia dall’altro. Alcune definizioni, tipiche del linguaggio settoriale tecnico, assumono un significato metaforico se trasposte a campi anche assai diversi. So che molti accesi sostenitori della lingua italiana originaria, i cosiddetti puristi, inorridiscono di fronte a queste contaminazioni. A me pare, invece, che proprio questi scambi siano altamente proficui, perché permettono di inserire nuova linfa al nostro vocabolario. E’ questo il caso della “resilienza”, parola che da qualche anno circola tra gli economisti gli ambientalisti, gli psicologi e che l’ex presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha usato senza riserve nel discorso di giuramento per il secondo mandato presidenziale. Per capire meglio di cosa si tratta vale la pena dare un’occhiata ai dizionari. Leggi tutto »