Mag 212022
 

Abitare ed essere abitati dall’Amore. I discorsi di addio di Gesù rivelano la dinamica trinitaria all’origine della missione di Gesù e della chiesa, con l’invio dello Spirito che abita i credenti e introduce alla comprensione del messaggio di salvezza del Signore.

Commento di don Mario Albertini

La frase centrale di questo brano viene ripresa in tutte le  Messe, subito dopo la preghiera del Padre nostro e prima del  saluto fraterno di pace; Gesù promette: Vi lascio la pace, vi  do la mia paceCon l’aggettivo possessivo “mia”, Gesù precisa che si  tratta di una pace speciale, della sua pace; la pace che viene  da lui è la capacità di gustare il dono della vita e di aprirsi al  bene nella serenità, nonostante tutto.  Leggi tutto »

IV^ DOMENICA DI PASQUA

 Omelie  Commenti disabilitati su IV^ DOMENICA DI PASQUA
Mag 072022
 

Il popolo di Dio: uno, senza confini e senza numero. Il Vangelo raggiunge tutti con la forza dei primi missionari, formando così quel popolo immenso che si radunerà di fronte a Dio, guidato da colui che solo è il buon pastore, che costituisce e pasce il nuovo Israele.

Commento di don Mario Albertini 

“Signore, tu mi scruti e mi conosci, penetri da lontano i  miei pensieri, ti sono note tutte le mie vie; tu mi conosci  sino in fondo…” E’, questo, un atto di fede espresso in un  salmo (138).  Dio ci conosce davvero, non per giudicare e condannare,  bensì per valorizzare i semi di bontà e di verità che sono in  noi. Dio ha fiducia in noi, ha fiducia in quelle nostre  capacità di bene che lui conosce più di quanto noi stessi  constatiamo. E se Dio ha fiducia in me, a me tocca  l’impegno di corrispondere nel fare il bene.  Leggi tutto »

III^ DOMNICA DI PASQUA

 Omelie  Commenti disabilitati su III^ DOMNICA DI PASQUA
Apr 302022
 

Annunciare, lodare, servire per amore. Pietro è il modello indicatoci dalle letture, colui che per primo annuncia il Vangelo ed è costituito dal Signore risorto pastore del gregge dei credenti. L’amore di Cristo dà origine all’annuncio e ristabilisce la fede degli apostoli.

Commento di don Mario Albertini

Al centro di questo episodio c’è sempre Gesù, nella sua  terza apparizione a un gruppo di apostoli. Tuttavia, come  domenica scorsa fu per l’apostolo Tommaso, questa volta  siamo invitati a fare attenzione anche all’apostolo Pietro. E’  a lui che il Signore affida il compito di guidare, di pascere,  la comunità dei credenti in Cristo. Glielo aveva già annunciato prima: tu sei Pietro, e su questa Pietra edificherò  la mia chiesa – e ora lo conferma.  Soffermiamoci allora sul commovente dialogo tra Gesù e  Pietro.  Leggi tutto »

II^ DOMENICA DI PASQUA

 Omelie  Commenti disabilitati su II^ DOMENICA DI PASQUA
Apr 232022
 

Il Risorto, presente per sempre nella chiesa. La forza della risurrezione si manifesta attraverso le opere degli apostoli, coloro che hanno incontrato il Risorto ricevendo il suo Spirito e la sua pace, che ridona forza e solidità alla loro fede.

Commento di don Mario Albertini

Chi è il personaggio centrale in questa pagina del vangelo?  Gesù o Tommaso? E’ logico rispondere: Gesù; ma noi forse ci siamo  soffermati su Tommaso, l’apostolo che non crede ai suoi  amici. Però di Tommaso sono riportate due frasi. La prima sono  sicuro che la ricordiamo tutti, è diventata quasi un proverbio:  non credo se non vedo e non tocco. Leggi tutto »

II^ DOMENICA DI QUARESIMA

 Omelie  Commenti disabilitati su II^ DOMENICA DI QUARESIMA
Mar 122022
 

Guardare, vedere, riconoscere. La liturgia della Parola pone al centro il tema del vedere, la capacità di riconoscere negli eventi della storia i segni dell’alleanza di Dio con il suo popolo: dal dono della terra e della discendenza ad Abramo, fino al dono del Figlio, compimento delle promesse antiche, a tutta l’umanità.

Commento di don Mario Albertini

L’apostolo Pietro è in cima a un monte, e vorrebbe  rimanervi sempre. Non per il panorama, anche se è vero che  i panorami che si vedono dall’alto delle montagne sono  meravigliosi. Ma non è per il panorama. E’ che si trova  inserito in una scena che lo fa esclamare: è proprio bello  stare qui!. Sta vedendo il suo amico Gesù (perché oltre che  Maestro Gesù gli è amico, e anche noi dobbiamo sentirlo  nostro amico) lo sta vedendo immerso in una luce  sfolgorante, con un volto trasfigurato, glorioso. E appunto esclama, quasi invoca: restiamo qui! restiamo sempre qui!  E’ veramente bello!  Leggi tutto »