Giu 152019
 

donmarioalbertini

Dio, comunità d’amore. L’immagine di Dio che Gesù ci trasmette e ci lascia in eredità è una immagine di comunione fondata sull’amore. Le comunità cristiane sono perciò chiamate a diventare esse stesse, pur nelle loro diversificazioni, espressioni di tale circolazione dell’amore: la dimensione trinitaria della fede diventa fondamento per costruire esistenze caratterizzate da comunione, comunicazione, dialogo.

Cosa significa l’essere stati battezzati “nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo”? – Cosa significa farci il segno della croce e dire: “Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo”? – Cosa significa ricevere la benedizione di Dio “Padre e Figlio e Spirito Santo”?

Le parole sono semplici, però indicano una realtà straordinaria: cioè che la nostra vita è avvolta dal mistero delle Tre Persone divine, è immersa in questo mistero, è partecipe della vita stessa delle Tre Persone divine. Leggi tutto »

Giu 082019
 

donmarioalbertiniLa Chiesa vive nello Spirito. Lo Spirito di Dio promuove ciascuno nella sua singolarità, senza separarlo dal “noi” che forma la comunità. Lo Spirito ci tutela da ogni logica di individualismo o di massificazione, per farci crescere come persone capaci di relazioni costruttive.

Commento di don Mario Albertini

Tutte tre le letture meriterebbero un approfondimento; mi soffermo un po’ di più sulla prima, ma qualcosa dico anche delle altre due.  La prima lettura racconta l’episodio che avvenne come oggi, 50 giorni dopo la Pasqua: la discesa dello Spirito santo sugli apostoli, che si trovavano riuniti in preghiera. Ci dice, questa lettura, come gli apostoli hanno vissuto quell’avvenimento: anzitutto sono sconvolti da qualcosa di inatteso: all’improvviso si sentì un rombo come di vento gagliardo, e apparvero delle fiamme, delle lingue come di fuoco. Questa però è solo la scena esteriore; la realtà interiore è che essi, gli apostoli, “furono pieni di Spirito Santo” – sono interiormente trasformati e, ormai non più timorosi, escono ad annunciare il vangelo, a testimoniare che Gesù, morto sulla croce, è risorto. Leggi tutto »

Ascensione del Signore

 Omelie  Commenti disabilitati su Ascensione del Signore
Giu 012019
 

donmarioalbertiniInsieme Cielo e Terra. Gesù che ascende al Cielo non si rende assente dalla Terra: in lui Cielo e Terra sono ora eternamente congiunti. La sua ascensione non significa per noi evasione dal mondo, ma indica la nostra destinazione.

Commento di don Mario Albertini

Ci sono due indirizzi sbagliati e uno giusto, per cercare e trovare Dio. Gli apostoli avevano imboccato uno dopo l’altro i due sbagliati. La mattina di Pasqua avevano cercato Gesù nel sepolcro, ma si sono sentiti dire dagli angeli: “perché cercate tra i morti colui che è vivo?”; il sepolcro era un indirizzo sbagliato. Dopo l’ascensione lo cercano tra le nubi, ma si sentono dire: “perché state a guardare per aria?”; anche le nuvole erano un indirizzo sbagliato: Leggi tutto »

VI^ domenica di Pasqua_19

 Omelie  Commenti disabilitati su VI^ domenica di Pasqua_19
Mag 252019
 

donmarioalbertiniDio sarà tutto in tutti. La preghiera del Salmo ci suggerisce di chiedere a Dio che tutte le nazioni possano riconoscere il suo amore, contemplare la sua giustizia nella storia e la sua presenza in ogni nostra realtà.

Commento di don Mario Albertini

La frase centrale di questo brano viene ripresa in tutte le Messe, subito dopo la preghiera del Padre nostro e prima del saluto fraterno di pace; Gesù promette: Vi lascio la pace, vi do la mia pace. Leggi tutto »

V^ domenica di Pasqua

 Omelie  Commenti disabilitati su V^ domenica di Pasqua
Mag 182019
 

donmarioalbertiniCostruire con Dio un mondo nuovo. La speranza che può stimolarci a lavorare per trasformare il mondo è la promessa divina: «Faccio nuove tutte le cose». Lo strumento indicato dal vangelo è il comandamento nuovo, ossia l’amore gli uni per gli altri.

Commento di don Mario Albertini

Tutti conosciamo abbastanza il vangelo per sapere che non lo si può leggere senza scontrarsi di continuo con l’insegnamento della carità fraterna: un insegnamento che riceviamo dall’esempio di Gesù, prima ancora che dalle sue esortazioni, e non ci meravigliamo certo di trovarlo ripetuto in questo colloquio finale con gli apostoli. Leggi tutto »