V^ DOMENICA DI PASQUA

 Omelie  Commenti disabilitati su V^ DOMENICA DI PASQUA
Mag 012021
 

Chiamati a portare i frutti della risurrezione. Gesù Cristo è la vite sempre feconda. Noi i tralci, chiamati a portare frutto rimanendo in lui, seguendo il suo comandamento e annunciando il suo Vangelo.

Commento di don Mario Albertini

Anche Gesù ha fatto testamento. Come eredità concreta ha  lasciato se stesso nell’eucaristia. Ma ha lasciato anche un  testamento spirituale, e sono le parole rivolte agli apostoli  prima dell’ultima cena con loro. 

 Ne fa parte pure quanto leggiamo nella Messa di oggi. Io  sono la vera vite, egli dice, e voi i tralci. Ma ci sono tralci  buoni e altri invece secchi o inutili, sui quali interviene  l’agricoltore per eliminare quelli secchi e per snellire e  orientare quelli buoni. Ora, se volete essere tralci che portino  frutto e non siano da tagliare la condizione è una sola: che  siate uniti a me; l’agricoltore, che è il Padre mio, saprà  valutare e intervenire.  Le parole di Gesù giungono a noi, e ci costringono a  chiederci se siamo in vitale rapporto con il Signore come lo  sono i tralci con il tronco della vite..  Leggi tutto »

IV^ DOMENICA DI PASQUA

 Omelie  Commenti disabilitati su IV^ DOMENICA DI PASQUA
Apr 242021
 

Pasqua, il pastore che si dona. La risurrezione è il sigillo definitivo che rivela l’amore del Padre per gli uomini nel Figlio, pastore autentico, che si dona per il suo gregge.

Commento di don Mario Albertini

La seconda lettura della Messa si apre con la straordinaria affermazione, tante volte sentita ma sempre  stupefacente, che in forza del “grande amore che ci ha dato il  Padre” noi siamo “chiamati figli di Dio, e lo siamo  realmente!” Sì, nonostante tutto, sono figlio di Dio e lui,  Dio, pensa proprio a me e mi vuole bene, perché gli sono  figlio.  Leggi tutto »

III^ DOMENICA DI PASQUA

 Omelie  Commenti disabilitati su III^ DOMENICA DI PASQUA
Apr 172021
 

La reale presenza del Risorto. In Gesù crocifisso e risorto si compiono le Scritture; il suo corpo glorioso è realmente presente nella Chiesa e lo si può riconoscere nei gesti d’amore di coloro che credono in lui.

Commento di don Mario Albertini

Di nuovo l’apparizione di Gesù risorto, di Gesù in persona,  sottolinea l’evangelista Luca; domenica scorsa l’evangelista  Giovanni metteva in rilievo le reazioni di un apostolo,  Tommaso; nel brano letto oggi Luca si sofferma sullo stato  d’animo di tutti gli apostoli. Ma prima vorrei rispondere a un interrogativo che sembra  secondario, ma non lo è. In tre delle sue apparizioni, come in  questa, il Risorto chiede di mangiare qualcosa con loro.  Leggi tutto »

II^ DOMENICA DI PASQUA

 Omelie  Commenti disabilitati su II^ DOMENICA DI PASQUA
Apr 102021
 

Pasqua, testimoni nello Spirito. Il Cristo risorto si presenta ai suoi apostoli impauriti e gli infonde fiducia e speranza, dando così inizio all’annuncio del Vangelo alle genti.

Commento di don Mario Albertini

Due le apparizioni del Signore risorto al gruppo dei  discepoli: la sera stessa della risurrezione, e otto giorni dopo.  E’ facile immaginare l’abbattimento da cui erano stati  presi tutti i discepoli dopo gli avvenimenti del venerdì;  abbattimento, tristezza, e anche paura. Si ritrovano insieme e  per prudenza sprangano le porte. Ma Gesù non si lascia  ostacolare da queste porte chiuse e si fa presente, e  nell’animo dei suoi discepoli fa compiere due cambiamenti.  Leggi tutto »

PASQUA DEL SIGNORE

 Omelie  Commenti disabilitati su PASQUA DEL SIGNORE
Apr 032021
 

È risorto: testimoni della gioia. I segni della Pasqua, letti dallo sguardo della fede, annunciano la gioia della risurrezione, che chiama ciascuno a proclamare con coraggio il compimento del disegno d’amore di Dio.

Commento di don Mario Albertini

Anche se pochi allora se ne sono accorti, questa è la  giornata più sconvolgente di tutta la storia dell’umanità,  non fosse altro perché il cristianesimo – che questa storia  ha influenzato e influenza come nient’altro – esiste solo in  forza di quanto in quel giorno avvenne: in forza cioè della  risurrezione di Gesù. Se la vicenda di quell’uomo, vissuto  circa due mila anni or sono, la cui predicazione aveva  raggiunto sì e no qualche migliaio di persone, fosse  terminata con la sua morte e sepoltura, tutto sarebbe finito  lì. Non ci sarebbe stato un seguito. Ma Cristo è risorto, e i  suoi discepoli ne hanno dato testimonianza, e solo in forza  di quella risurrezione è giunto a noi e a tutto il mondo il  vangelo, cioè l’annuncio della salvezza.  Leggi tutto »